Confcommercio dal 1945 diamo voce alle imprese
Sabato 18 Novembre 2017
NOTIZIE

Mercati: anche la Sicilia si adegua alla Bolkestein

E` partita anche in Sicilia la rivoluzione nel mondo delle concessioni dei suoli per il commercio su aree pubbliche. L`assessore regionale delle attività produttive, Mariella Lo Bello, su diretto interessamento del Presidente della F.I.V.A. di Enna Filippo Villareale, ha infatti firmato il decreto n. 3545 con cui viene recepita l`Intesa del 5 luglio 2012 della Conferenza Unificata

Enna, 19/12/2016

E' partita anche in Sicilia la rivoluzione nel mondo delle concessioni dei suoli per il commercio su aree pubbliche. L'assessore regionale delle attività produttive, Mariella Lo Bello, su diretto interessamento del Presidente della F.I.V.A. di Enna Filippo Villareale, ha infatti firmato il decreto n. 3545 con cui viene recepita l'Intesa del 5 luglio 2012 della Conferenza Unificata e si dà avvio alla complessa procedura che dovrà essere attuata dai comuni per la riassegnazione delle concessioni di area pubblica nei mercati rionali, nelle fiere e nei mercati settimanali ai commercianti.

«Una rivoluzione che cambia davvero tutto - ha detto il Presidente della F.I.V.A. di Enna Filippo Villareale - correvamo il rischio concreto di arrivare fuori termine con la conseguenza che sarebbero decadute ope legis tutte le concessioni rilasciate anteriormente all'anno 2007. Un problema non di poco conto perché le nuove disposizioni di legge, già recepite nell'intero territorio nazionale, prevedono adesso che per la rassegnazione delle aree si debba procedere con regolari bandi di gara, essendo ormai vietata la riassegnazione automatica delle licenze alla scadenza novennale».

«Con la conseguenza - continua Villareale - che bisognerà rispettare i termini fissati dalla legge e le procedure di pubblicità previste. Occorreranno non meno di centoventi giorni e bisognerà far presto, nei comuni, per adeguare i regolamenti e predisporre in tempo i bandi che dovranno concludersi con la pubblicazione degli assegnatari entro il mese di maggio 2017».

Adesso la palla passa ai comuni che dovranno recepire il decreto e avviare l'iter per le nuove concessioni. Rilevanti saranno anche le responsabilità in capo ai dirigenti degli uffici commercio dei comuni per accertare in maniera sistematica la veridicità delle dichiarazioni allegate alle istanze, atteso che i punteggi verranno assegnati ai richiedenti sulla base di precise caratteristiche che saranno dichiarate all'atto della domanda

Altre notizie di Editoriale
   Seguici su Facebook