Mercoledì 17 Ottobre 2018
INIZIATIVE

Confcommercio Enna chiede la riapertura della Panoramica

Paolo Nasonte e Vittorio Gallina chiedono l'intervento delle autorità politiche e civili per riaprire al transito la strada "Panoramica", la cui chiusura si ripercuote negativamente sulle attività commerciali che insistono nel centro storico di Enna.

Enna, 07/10/2010

Il Presidente della delegazione ennese di Confcommercio Paolo Nasonte ed il Presidente di FedermodaItalia Vittorio Gallina scrivono una lettera indirizzata al Prefetto, al Presidente della Provincia Monaco, al Sindaco di Enna Garofalo, al Senatore Crisafulli, al Deputato nazionale Grimaldi ed ai deputati regionali Galvagno, Colianni e Termine per chiedere un intervento rapido che consenta la riapertura della strada "Panoramica" chiusa da anni al transito. Di seguito il testo firmato dai due dirigenti Confcommercio:

Le disastrose condizioni in cui versano le strade di collegamento alla Città di Enna ci inducono a rivolgerci a tutte le autorità con la viva speranza che vogliate intervenire, ognuno per le proprie competenze, per risolvere definitivamente un annoso problema e per restituire dignità ad una comunità disagiata e ad una categoria mortificata da ritardi e inadempienze.
La strada «Panoramica», importante arteria stradale che garantisce una più fluida circolazione da e per Enna, è chiusa al transito da troppo tempo e ciò comporta una serie di disagi alla circolazione. La gente, soprattutto quella che proviene dai comuni viciniori, ha grosse difficoltà a raggiungere il centro di Enna e ciò si ripercuote direttamente sulle attività commerciali che insistono nel centro storico di Enna.
Le piccole e medie imprese, che noi rappresentiamo, sono il cuore pulsante di questa Città e il vero volano dell`economia ennese. È per questo che chiediamo con forza un intervento autorevole affinché si possa ripristinare celermente una efficiente circolazione veicolare e si possano risolvere di conseguenza i disagi che la nostra categoria è costretta a subire a causa dei disservizi.

   Seguici su Facebook